Accessibilità

Il Castello

Palazzo rinascimentale immerso nel verde della prima collina, sede del Museo della ceramica di Fiorano e dell'Acetaia comunale.

foto Franco Franchini

Guarda www.fioranoturismo.it

 

Il castello di Spezzano, di origine medievale, fu trasformato dalla famiglia dei Pio di Savoia, a partire dal 1529, in palazzo nobiliare con corte porticata rinascimentale, elegante residenza di campagna destinata ad accogliere piacevolmente gli ospiti nei terreni di caccia del feudo. E' sede del Museo della ceramica di Fiorano che occupa gli spazi del piano nobile e i sotterranei del castello.

 

Di particolare pregio la Sala delle Vedute, affrescata intorno al 1596 da Cesare Baglione, pittore di corte dei signori Farnese di Parma, che ritrae i domini di Marco III Pio di Savoia e della moglie Clelia Farnese; un ciclo affrescato di 57 vedute di castelli, torri e borghi, dalla pianura alla montagna, dello Stato di Sassuolo, suddiviso in cinque podesterie: Sassuolo, Spezzano, Formigine, Brandola, Soliera.

SalaVedute_CastelloSpezzano_fotoLucioRossi.jpg

Al piano nobile si trovano l'appartamento dei Pio e la Galleria delle Battaglie, affrescata con importanti battaglie del Cinquecento che coinvolsero Alfonso I d'Este il "duca artigliere" e i condottieri della famiglia Pio.

Dal Seicento feudo dei Marchesi Coccapani Imperiali e poi dimora estiva dei Conti Pignatti Morano, il castello fu acquistato nel 1983 dal Comune di Fiorano Modenese.

Il castello-villa è circondato da un ottocentesco parco romantico dotato di zona attrezzata per pic-nic; un percorso ciclo-pedonale dal castello conduce alla Riserva Naturale delle Salse di Nirano.

All'interno del castello ha sede un bar ristorante; attualmente non è tuttavia concesso in gestione per motivi di restauro dell'immobile.

Il primo piano, i sotterranei e altri ambienti del castello sono destinati a sede del Museo della ceramica di Fiorano.

 

Acetaia comunale nella torre

TORRE PENTAGONALE e ACETAIA_11-06-08_250.JPG

L’acetaia comunale, posta nella torre pentagonale, è costituita da tre batterie di botti di aceto balsamico tradizionale di Modena dop. 

La visita all’acetaia illustra l’antico procedimento che trasforma il mosto d’uva cotto in un prodotto tipico del territorio e apprezzato nel mondo.

Pannelli descrittivi, documenti e strumenti antichi legati alla produzione e alla cultura contadina completano l’allestimento. Su prenotazione visita con assaggio guidato del prodotto.

 

Per saperne di più www.fioranoturismo.it

App audioguida scaricabile

Ufficio al quale rivolgersi

Il Castello

Responsabile: Alessandra Alberici

Contatti

Telefono: tel. 0536 833 412-833 438
Email: cultura@comune.fiorano-modenese.mo.it

Orari

Lunedì-venerdì ore 8,30-13; lunedì e giovedì ore 14,30-17,30

Sede

Ufficio Cultura

Palazzo Astoria terzo piano

Piazza Martiri Partigiani Fioranesi 1

Eventi recenti
24.09.2020 Cultura sport e tempo libero, Turismo
Bla di Fiorano - via Silvio Pellico

Moviement Edition: Nuvole su Fiorano

04.10.2020 Ambiente verde e animali, Cultura sport e tempo libero, Turismo
Cà Rossa parco naturale Salse di Nirano

Il profumo del mosto

09.10.2020 Cultura sport e tempo libero, Associazioni e volontariato, Turismo
Mini autodromo Jody Scheckter - via Antica Cava - Spezzano

Trofeo Modeltek

Vedi tutti gli eventi
Avvisi recenti
02.09.2020

Dal 3 al 6 settembre l’Ennesimo Film Festival arriva in piazza

Maxischermo in piazza Menotti per quattro serate nel segno del cinema.

29.08.2020

Il progetto Arcipelago Educativo si estende alle scuole di Maranello, Fiorano Modenese e Formigine

Ferrari spa, Fondazione Agnelli e Save the Children insieme per il territorio.

29.08.2020

La biblioteca di Fiorano Modenese riapre gli spazi

Con gli orari precovid e la possibilità di prenotare le postazioni di studio

Vedi tutti gli avvisi