Accessibilità

Centro del riuso intercomunale

In approvazione da parte dei Consigli comunali dell’Unione dei Comuni Distretto ceramico la convenzione per l'avvio.

È in corso di approvazione negli otto Consigli comunali dell’Unione del Distretto ceramico la convenzione per l’avvio del Centro intercomunale del riuso che sarà allestito in via Radici in Piano a Casinalbo e per la cui realizzazione Formigine partecipa col ruolo di capofila.

L’ubicazione della nuova struttura è ideale per le attività che si svolgeranno all’interno del Centro: l’area è infatti dotata di un ampio parcheggio, si trova a poche centinaia di metri di distanza dal Centro di raccolta “Copernico” ed, essendo il fabbricato inserito all’interno di un comparto produttivo artigianale, si presta alla multifunzionalità e alla nascita di sinergie col resto del territorio. Il Centro sorgerà all’interno di una porzione di edificio industriale di 380 mq di proprietà del Comune di Formigine; esso si svilupperà come un open space sviluppato su un unico livello in cui ogni funzione sarà ben definita senza rinunciare ad una disposizione organica e sinergica delle diverse aree, in linea con le disposizioni delle nuove Linee guida regionali sul riuso prestando attenzione ad eliminare ogni tipo di barriera architettonica, in modo da garantirne l’accesso e la fruibilità al più ampio numero di cittadini possibile.
Il risultato atteso è rappresentato dalla nascita di un network capace di aggregare tutti i cittadini dell’Unione intorno ai concetti chiave di economia circolare e di sostenibilità , con una forte vocazione alla sensibilizzazione degli utenti verso i temi ambientali e sociali. 
Oltre ad essere un luogo in cui oggetti inutilizzati da alcuni cittadini potranno trovare nuova vita in altre case, il Centro del riuso sarà anche una struttura in cui saranno realizzati laboratori socio-occupazionali per persone in condizione svantaggiata, nonché il contesto giusto per l’avvio di corsi di “upcycling” e di bricolage volti alla riscoperta dell’arte del fai da te per contrastare la cultura dell’usa e getta.

Nei prossimi mesi, i Comuni provvederanno all’affidamento del servizio a un soggetto del Terzo settore tramite procedura ad evidenza pubblica. Tra le attività che il gestore dovrà garantire, ci sarà quella di creare sinergie con realtà giovanili nella realizzazione di piccole riparazioni e l’utilizzo di tecniche artigianali, nonché programmare attività di coinvolgimento ed avvicinamento della cittadinanza ai temi sociali e del riuso.

La spesa complessiva del progetto, pari a circa 200.000 euro, risulta finanziata per la maggior parte dall’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti (137.266 euro), nella restante parte dai Comuni di Formigine (capofila del progetto), Fiorano modenese, Sassuolo e Maranello.

archiviato sotto:

Data di pubblicazione: 02 maggio 2018

Avvisi recenti
18.08.2022

Studi sul boro alle Salse di Nirano

Per valutare quanto l’elemento prodotto dai vulcani di fango incida sull’arricchimento delle falde acquifere del territorio.

09.08.2022

Due anni di Bike to Work

È possibile aderire fino a fine anno: contributi economici per chi percorre il tratto casa-lavoro in bici e non in auto!

08.08.2022

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre

05.08.2022

I tartufi alle Salse di Nirano

Alla Riserva di Nirano la sede dell’Associazione Tartufai di Modena che collabora nella manutenzione e pulizia dell’area protetta.

05.08.2022

Pulizia straordinaria marciapiedi a Fiorano

Interventi per tutto il mese di agosto.

05.08.2022

Fiera di San Rocco 2022

Dal 12 al 16 agosto: cinque giorni di festa, spettacoli e tanto cibo, ad ingresso gratuito!

Vedi tutti gli avvisi