Accessibilità

Sezioni

Sei in Home page > Avvisi > Da Fiorano Modenese un progetto europeo per il contrasto alla violenza di genere online

Da Fiorano Modenese un progetto europeo per il contrasto alla violenza di genere online

Capofila del progetto europeo ON-OFF, l’associazione Lumen che gestisce Casa Corsini. Coinvolti 700 ragazzi e 90 fra insegnanti ed educatori in tutta Europa.

 Dal 25 novembre, scelto come data simbolica, prende il via da Fiorano Modenese il progetto europeo ON-OFF che mira a definire un modello di intervento per il contrasto alla violenza di genere online, a beneficio di insegnanti ed educatori europei. L’obiettivo è creare e testare una procedura da mettere poi a disposizione liberamente, una volta validata.

Nel progetto sono impegnati sei soggetti provenienti da cinque Paesi europei: Bulgaria, Cipro, Grecia, Spagna e Italia. E proprio italiano, anzi ‘fioranese’, è il capofila del progetto: si tratta di Lumen, l’associazione di promozione sociale che sviluppa le attività di Casa Corsini per conto del Comune di Fiorano Modenese. L’altro partner italiano è Aretés, realtà modenese attiva nella ricerca applicata.

L’avvio delle attività è stato simbolicamente fissato per lunedì 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne: da quella data si può chiedere di partecipare alle attività rivolte ai formatori.

Il progetto è finanziato all’80% da fondi europei (programma “Diritti, uguaglianza e cittadinanza”) e al 20% da fondi propri dei sei partner. Tutte le scuole, centri giovani, strutture e insegnanti ed educatori del territorio provinciale modenese possono partecipare gratuitamente alle attività progettuali.

In totale saranno coinvolti 700 ragazzi e 90 fra insegnanti ed educatori suddivisi in 5 Paesi.

“Abbiamo iniziato proprio in questi giorni con le istituzioni e le agenzie educative del territorio - spiegano i responsabili di Lumen - una prima presentazione del lavoro che si svilupperà nell’arco di due anni attraverso cinque paesi europei. È un progetto ambizioso: l’obiettivo è creare, in modo partecipato, un modello di intervento utilizzabile gratuitamente da scuole e centri educativi europei per il contrasto alla violenza di genere online e contro gli stereotipi e l’oggettificazione della figura femminile”.

In ciascuno dei Paesi saranno coinvolti almeno 18 fra insegnanti ed educatori e circa 140 ragazze e ragazzi dai 12 ai 17 anni.

In estrema sintesi, il progetto prevede inizialmente un percorso di ascolto ed un sondaggio per raccogliere esigenze, idee, proposte, bisogni e quanto utile per la definizione del modello. Successivamente sarà realizzato il modello di intervento per l’utilizzo del quale insegnanti ed educatori partecipanti saranno adeguatamente formati; poi prenderà il via la sperimentazione nelle scuole per arrivare alla successiva validazione del modello.

Alla fine del percorso, il modello sarà disponibile online per tutti, in 5 lingue; una piattaforma sperimentata e validata cioè, contenente tracce, lezioni, video, schede informative, utilizzabile per informare, coinvolgere, sensibilizzare i ragazzi contro la violenza di genere online

Per informazioni e iscrizioni è possibile contattare la mail: lumenassociazione@gmail.com.

Data di pubblicazione: 21 novembre 2019

Avvisi recenti
27.09.2022

"Monografie 2022" e "In un'ora al Bla"

Due belle e particolari rassegne letterarie nella nostra biblioteca comunale!

26.09.2022

Si chiude la stagione de La Sosteria

Venerdì 30 settembre, con uno spettacolo degli HOT Minds dedicato a Johnny Cash.

24.09.2022

Allerta arancione per criticità idrogeologica e temporali

Dal 24 al 25 settembre

23.09.2022

Lunedì 26 settembre Servizi demografici chiusi

Per completamento operazioni elettorali.

23.09.2022

Una nuova strada e rotatoria a Ubersetto

La via collegherà Fiorano con Maranello e toglierà il traffico pesante dal centro della frazione.

23.09.2022

Domani ultimo giorno di attività per il Puv di Fiorano Modenese

Il ringraziamento a Ferrari per la disponibilità degli spazi. Dalla sua apertura sono state somministrate oltre 250mila dosi. Da ottobre l’attività si sposta al Centro Prelievi di Sassuolo

Vedi tutti gli avvisi